Crea sito

La Piccola Lalla

1 luglio 2011 di Lelee Nessun commento »

Il mediometraggio "Lalla, piccola Lalla" di Nino e Toni Pagott ha vinto la medaglia di bronzo alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia nel 1947.
 

Ecco il film restaurato allegato a questo libretto di Gallucci Editore del 2005. , costo 18,00 Euro
 



 

La storia è una citazione Disneyana : si inizia con Alice nel paese delle meraviglie che diventa piccola assieme ad uno strano barattolo….

…..poi salta fuori un funghetto che sembra uscito dalla danza di FANTASIA….


 

Infine si presenta un mondo di insetti che ricordano una Symphony del Jaz con le cavallette nella sala da ballo……… e non manca il lieto fine. Era tutto un sogno di Lalla e il funghetto Ubaldo non era altro che…. il suo angelo custode.


 

Ecco una serie di schizzi sulla piccola Lalla, opera probabilmente di Ferdinando Palermo ( vedi post su "L'orco Bruno" e "Tolomeo". Bello anche il DVD, solo che l'ho staccato dal libro e non so più dove l'ho messo…… ma non l'ho perso : sarà assieme all' ambaradan !

Ho conosciuto Sergio Bonelli

29 giugno 2011 di Lelee Nessun commento »

 


 

Ieri grazie agli amici dell'associazione Proteus ho assistito alla presentazione del libro scritto da Moreno Burattini sulla vita fumettistica di Guido Nolitta in arte SERGIO BONELLI ! ( o viceversa ). Un simpatico vecchietto con tanto di bastone. Appena l'ho visto mi sono avvicinato per toccarlo, perchè pensavo che fosse un personaggio dei fumatti pure lui…
 

Questo è un Bonelli giovane, con la madre e la segretaria ( quella in piedi ). Pare che la segretaria sia tuttora in forza alla casa editrice, perchè il Bonelli è un tradizionalista. Pensate che fa scrivere ancora a mano i fumetti nei baloon per non licenziare i letteristi ! Mitico !
 


Mi sono subito fatto autografare il numero 600 di Zagor. Poi ho approfittato di un momento di pausa per fare una caricatura al Maestro e ho avuto il coraggio di regalargliela. Pensate ! Ho dato un mio disegno a Bonelli ! Me lo scriverò nel diario !

 

Oltre al Bonelli c'erano pure gli autori della biografia : Burattini e Romani.
Graziano Romani è anche un cantante Rock che ha fatto un disco su Zagor e ci ha allietato con alcune sue canzoni, molto apprezzate. Anche il Bonelli ha il suo Apicella……. in senso buono !

 

 

Ecco altre pagine a colori con disegni famosi delle pubblicazioni Bonelli. Vi consiglio il Libro, della Coniglio Editore, 12,50 euri, ma in più mi hanno regalato un bel poster di Zagor. Una chicca….. Bonelli ha detto che tra poco dopo il successo di TEX anche Zagor verrà pubblicato a colori con gli inserti di Repubblica….. non so se integrale o solo le storie migliori. Chissà.

 E questo sotto è uno dei film su Zagor girato in Turchia, ma senza dare un soldo di diritti d'autore.

Tin Tin 2011

23 maggio 2011 di Lelee 1 commento »

" /> " />

 

" />

Pogo di Walt Kelly in film

1 maggio 2011 di Lelee Nessun commento »

" src="<object style=" width:="" /> " /> " /> " />

marcatoons

27 aprile 2011 di Lelee Nessun commento »

Ho scoperto su you tube i cartoni animati della rivista spagnola MARCA, ovvero i MARCATOONS, cartoni animati con protagonisti i calciatori del Real e del Barça, con Mourinho e Guardiola in testa.

" /> " /> " />

Brian Walker the Comics Complete Collection

24 aprile 2011 di Lelee Nessun commento »


Vi consiglio questo bel volume  di 672 pagine a colori, 36 euro, di Brian Walker, che narra la storia dei comics americani dall'800 ai giorni nostri, con biografie degli autori e riproduzioni delle tavole originali.

che bel guppo di personaggi, vero ? Chi sa identificarli tutti ?

Qui vedete una bella tavola con Yellow Kid e Buster Brown, due bambini terribili creati da Outcault . Yellow Kid è un proletario, Buster Brown è di classe agiata, ma entrambi nelle loro storie spezzano le convenzioni borghesi del rispetto per le istituzioni , per gli adulti, per la famiglia…..

ecco il grande poliziotto Dick Tracy con una compilation di nemici, uno più brutto dell'altro.

ecco infine una carrellata di altri personaggi

ecco un commento sul libro.
 

For anyone who grew up reading the comics in the daily newspaper, who wrestled the section away from taunting siblings, who devised a system for reading in order of lamest (Family Circus) to funniest (Bloom County), it’s odd to see those same strips reproduced in full color, on heavy paper stock, and in a beautifully designed encyclopedia such as Brian Walker’s The Comics: The Complete Collection. Originally, the comics made no presumption to anything beyond entertainment. More ephemeral than even crosswords and etiquette advice, they seemed drawn to be tossed out and forgotten until the next day’s edition. Only the TV listings were more disposable. There was, nevertheless, an undeniable charm to those modest panels, which kept us reading every morning.

In recent decades comics history has grown into a popular discipline, overlapping somewhat with studies of comic books and fine art. Walker’s book is certainly not the only overview of the form’s development throughout the 20th century, but it’s among the most extensive, the most accessible, the most visually satisfying—and therefore the most persuasive of its subject’s inherent worth. This heavy tome combines his previous two volumes: The Comics: Before 1945 (2004) and The Comics: Since 1945 (2006). The new edition contains no new material, and in fact, the two installments have been sutured together somewhat awkwardly. The title page for Before 1945 precedes the table of contents for the entire book, and there’s no general index or bibliography; instead, the end materials for the first half form a haphazard intermission halfway through the book. Given the fine quality of the reproductions, such errors stand out.

They are, however, minor annoyances rather than fatal flaws. Walker, a comics scholar who founded the Museum of Cartoon Art and works on the features Beetle Bailey and Hi and Lois, writes in crisp, direct prose, and his research is obviously deep and painstaking. He begins with a controversy that’s still debated today: Was Richard Felton Outcault’s Yellow Kid, introduced in 1894, indeed the first newspaper comics character, or does the form trace its roots back even further? The issue remains not only unresolved even a century later, but Walker implies that it’s largely immaterial: Newspapers of the late 1800s were experimenting heavily with various combinations of drawn visuals and text, and if he wasn’t the first, the Yellow Kid was certainly the archetypal comics character, an impish immigrant child whose antics contained kernels of wisdom and subversion. He begat the rambunctious Katzenjammer Kids as well as their adult counterpart, Foxy Grandpa, not to mention characters as diverse as the Gumps and Little Nemo. That very misbehavior, coupled with the disposability of the form, presented comics as lowbrow and socially deleterious, sparking early debate about the moral worth of the form.

For that reason, the first half of Walker’s history is the more intriguing volume, as comics were only just taking shape. Their artistic and commercial possibilities seemed endless. In fact, almost every late 20th-century trend can be traced back to these early years. Strips like Peanuts and Garfield could not have been so relentlessly marketed without the broad success of Thimble Theater and Gasoline Alley, whose popularity transcended the newspaper medium. The frame-breaking artwork of Bill Watterson’s “Calvin & Hobbes”—perhaps the most visually innovative feature in recent memory—can be traced back to the burst panels and dreamlike sequences of Winsor McCay’s Little Nemo and Dream of the Rarebit Fiend.

The history of comics is not so much a history of the United States, but an imperfect reflection of American society. Because they published on a daily basis, comics were uniquely adaptable to the news in other sections of the paper. In numerous asides Walker recounts various trends in comics and connects them with larger issues, such as race and immigration at the turn of the century, women’s lib in the 1920s, the Great Depression in the ’30s, World War II patriotism in the ’40s, the counterculture in the ’60s, and—much later—9/11. These sections are often more revealing than the lengthy summations of each decade, as they ignore the somewhat tedious relationships between artists and syndicates and place the strips in larger, more familiar contexts.

Unlike comic books and film, comic strips never experienced much of counterculture renaissance, although Doonesbury and a few other titles updated the form for the Baby Boomer generation. Increased emphasis was placed on social commentary and running storylines, as artists addressed various real-world concerns over successive strips. While the form flourished in the 1980s and 1990s with the popularity of Gary Larson’s The Far Side, Berke Breathed’s Bloom County, and Watterson’s Calvin & Hobbes, comics grew increasingly conservative in their visuals, their humor, their politics, and their concepts. Such features as Jumpstart, Baby Blues, Zits and even a reliably sharp title like Foxtrot resemble post-Cosby Show sitcoms in their predicaments and punchlines.

With titles like The Far Side and Calvin & Hobbes disappearing, comics have lately earned a reputation, whether rightly or not, as a fuddy-duddy art form, drawn and written for a generation still reliant on print media as its primary news source. For that reason, it would have been useful and instructive had Walker written a new epilogue to this volume; in the five years since the publication of The Comics: Since 1945, the Internet has flourished while print newspapers floundered. “Perhaps someday, in the not-too-distant future, an enterprising newspaper editor will experiment with enlarging the comics and printing them on higher-quality paper,” Walker writes in his original conclusion. “Readers would welcome seeing their favorite features in a more luxurious format.” That may have been true in 2006, but in 2011 it’s certainly debatable.

It’s not that comics aren’t equipped to save newspapers, but that the form long ago began gravitating toward the Internet—and mutating along the way. Perhaps the future of comics lies with the readers themselves, particularly on such sites as “I Can Has Cheezburger” and “Comixed,” which allow users to create their own makeshift strips by adding text to photographs. Often the results can be sophomoric or repetitive, but at their best these sites encourage a potentially very sophisticated engagement with text and visuals through the scrim of popular culture.

Perhaps more crucially, the Internet allows readers to interact directly with comics and to subtly reconsider the history of the form. There are several sites like “Garfield Without Garfield” and “Calvin Without Hobbes” devoted to rethinking and in some ways rewriting popular titles. Perhaps the most sophisticated of them is “3eanuts,” which removes the fourth “punchline” panels from “Peanuts” strips to reveal a deep, dark melancholy that is unexpected in the medium. There is no comic relief or release, which itself becomes a strange but effective punchline. In some important ways, these online revampings suggest an evolution away from comics in their original form, and certainly there is currently at least one generation that will never experience the small thrill of reading comics over cereal in the morning or cutting out a particularly funny strip to post on a bulletin board or cubicle wall.

Tolomeo, il libro film

9 aprile 2011 di Lelee Nessun commento »

I fratelli Dinamite è un film di animazione italiano diretto da Nino Pagot e prodotto dalla Pagot Film di Milano.

Fu presentato alla Mostra cinematografica di Venezia nel 1949, assieme a La rosa di Bagdad, al quale contende il primato per essere stato il primo lungometraggio di animazione realizzato in Italia e a colori realizzato con un Technicolor primitivo.


 

 

Tolomeo, il diavolo e i tre fratelli dinamite. Libro-film. Numerosi disegni in nero e a colori, anche a piena pagina di Nino Pagotto. Aiuto-disegnatore Ferdinando Palermo. Testo di Daria Banfi Malaguzzi Nino Pagotto (Venezia 1908-1972) è conosciuto come il creatore di Calimero e per la sua attività di disegnatore di fumetti. Nel 1942 insieme a suo fratello minore Toni, intraprese la realizzazione di un cortometraggio dal titolo Tolomeo, film a cui ne seguirono altri e che venne unito in un unico lungometraggio, ultimato nel 1947, dal titolo definitivo de "I fratelli Dinamite". Questo è il primo lungometraggio d'animazione italiano, che fu per di più il primo lungometraggio a colori dell'intera cinematografia nazionale. Fu presentato al Festival di Venezia del 1949. pp. 76. 
 

   


poteva mancare nella mia collezione ? certo che no, infatti l'ho trovato in un mercatino per 50 euro. E' in condizioni accettabili, solo un pò rovinata la costa, con la carta che si stacca.


 

le cartoline di Jacovitti del 47

9 aprile 2011 di Lelee Nessun commento »

Ecco la riproduzione (1980) delle cartoline sportive di Jacovitti del 1947.
Le ho viste su internet a 350 euro : occhio che sono riproduzioni !

 

 

Archie

8 marzo 2011 di Lelee 1 commento »


Ho trovato un libro americano stampato in ricorrenza dei 50 anni di Archie, un eterno ragazzino.

Questa è la riproduzione della prima storia : si vede che i tratti somatici ricordano Miki Rooney e le Baby Gang dei filmini dell'epoca…

Una delle situazioni ricorrenti nel fumetto è il dualismo del protagonista che amoreggia con Veronica e Betty, una bruna e una bionda dai caratteri opposti.

ecco la riproduzione di un pò di copertine degli albi prodotti nei primi 50 anni di Archie.

nonna abelarda

8 marzo 2011 di Lelee 4 commenti »

Sabato sono andato in un mercatino dell'usato e ho trovato un pò di fumetti di Nonna Abelarda, una vecchina dalla forza erculea

la nonna ha adottato Soldino, un piccolo moccioso che in realtà è il giovane re di Gran Tassonia. Oltre alla grande forza, però, la nonna ha anche una grande abilità nel preparare torte deliziose.

 

LNonna Abelarda difende il piccolo Re dai pericoli, soprattutto rappresentati dal malvagio Duca Frittella che vorrebbe usurpargli il trono

Altro personaggio della saga è il fido Scartoffia, segretario fac totum alle dipendenze della corte reale.

Tra i "cattivi" ecco la banda Neroni, parodia della casa editrice "Bianconi" !

Ma la nonna non ha limiti…. ha pure uno scimmione privato : Bongo, perennemente alla caccia di banane, vendute dal fruttivendolo Gennariello. Questo simpatico animale diventerà molto famoso, tanto da essere titolare di storie a sè.

 

Tra i cattivi spiccano inoltre i gemelli Nik eNok, sorta di cloni dei Bassotti, a volte spalleggiati dal malvagio professore. Eccoli impegnati in una storia fantascientifica dove la Nonna viene addirittura rimpicciolita a livello di formica….. mantenendo però la sua forza, come si può vedere nella vignetta in basso !

Powered by AlterVista